Nandino Capovilla, Betta Tusset

"Non sapevo che il mare fosse salato"

Paoline, 2017, pp. 122, € 13.00

«Amadou, Mady, Moussa, Festus e Ousain, non stancatevi di noi, dei nostri silenzi, del letto che manca, degli sterili abbracci. Siamo noi che dobbiamo ancora diventare grandi, pur avendone avuto il tempo». Così gli autori – Nandino Capovilla è parroco a Marghera ed è stato coordinatore nazionale di Pax Christi, Betta Tusset è una scrittrice veneziana – introducono le loro pagine poetiche dedicate ai migranti che arrivano da noi. Pagine scritte anche dai migranti in prima persona. Prefazione di Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento.