Silvio Ciappi

L’uomo che non voleva morire

Gabrielli, 2017, pp. 200, € 14,50

Pensare alla figura di Gesù soltanto come uomo, spogliandosi dell’idea che sia stato anche il messia. Ci prova l’autore, psicoterapeuta e criminologo, con una rilettura del vangelo di Marco. Emerge la figura di un giovane rabbi di Galilea, rivoluzionario, che «fa la scelta di stare dalla parte degli ultimi dicendo loro di aprire gli occhi e il cuore». L’indagine sull’umanità di Gesù è illuminata dall’esperienza di Ciappi nelle tante Nazaret del mondo: Vitoria in Brasile, Hebron in Israele, Puerto Nariño in Colombia, Fatehpur Sikri in India e Soweto in Sudafrica. (E.T.)