LA GUINEA SIA CONDE' - DOSSIER MARZO 2017

Storia di un calvario

La Chiesa cattolica, che rappresenta una piccola comunità, ha trascorso una stagione di sofferenza negli anni della presidenza di Sékou Touré. Oggi la Costituzione riconosce la libertà religiosa e, in un paese a maggioranza islamica, sono rari i casi di intolleranza.

di Elio Boscaini

Se l’islam domina sul piano demografico, sociale e culturale, la piccola comunità cattolica di Guinea occupa comunque il suo spazio nel paese. La Chiesa guineana è composta di tre diocesi: Conakry, Kankan e N’Zérékoré. Se nella capitale Conakry il cattolicesimo non arriva al 3% della popolazione, le cose vanno meglio all’interno del paese. Così, se l’islam è la religione dell’85% dei guineani, al cattolicesimo aderisce quasi il 10% della popolazione.

Se oggi la voce della Chiesa è ascoltata lo è soprattutto per il suo impegno nel sociale, grazie al ruolo di Caritas Guinea, conosciuta nel paese come Organizzazione cattolica per la promozione umana (Ocph). La sua presenza è rilevante nello sviluppo dell’agricoltura, nel sostegno al microcredito per le piccole imprese, nella mobilitazione contro la corruzione, nel contributo alla costruzione della pace sociale. Sostiene anche numerosi centri di formazione socioprofessionale e di salute, come i dispensari disseminati su tutto il territorio. La Chiesa finanzia inoltre un programma nazionale di lotta contro il virus Hiv/Aids, tramite formazione e prevenzione. Importante anche il suo impegno a fianco dei malati mentali.

I primi missionari.

Culla della Chiesa in Guinea è Boffa, a 150 km a nord di Conakry, là dove il primo missionario cattolico, padre Charles Gommengenger, entrò nel paese nel 1875 e dove, due anni dopo, venne fondata la parrocchia di san Giuseppe, con parroco padre Jean Idelfonse Muler. I due missionari appartenevano alla Congregazione dei padri dello Spirito santo o spiritani e provenivano dal vicariato apostolico della Sierra Leone, di cui Boffa faceva allora parte.

Dopo la fondazione della missione di Conakry nel 1890, la Guinea diventa...

Per continuare la lettura di questo ed altri articoli di Nigrizia, abbonati alla rivista cartecea o all'edizione online.