LA GUINEA SIA CONDE' - DOSSIER MARZO 2017

Conak-crime

Armi, droga, mafia, corruzione. Il paese in questi anni è stato anche al centro di mille traffici, con la complicità di governo e militari. Il presidente Condé punterebbe a un’amnistia de facto in cambio di una sostanziale interruzione degli scambi più torbidi.

di Luca Raineri

Il 4 ottobre 2016: 3 quintali di cocaina e 4 tonnellate di cannabis vengono inceneriti dal governo della Guinea, nell’ambito delle misure concertate dai paesi dell’Africa occidentale per la lotta al narcotraffico. Si tratta della droga sequestrata dalle autorità di Conakry nel corso dell’anno, il cui valore commerciale complessivo supera i 100 milioni di euro.

Lo stesso giorno, un’iniziativa analoga si tiene in Mali, paese confinante e da oltre un decennio al centro del traffico di droga intercontinentale. Sennonché, il valore delle sostanze sequestrate e distrutte in Mali è circa 150 volte inferiore a quello registrato in Guinea. È lecito dubitare che gli stupefacenti recuperati dalle forze di sicurezza maliane rappresentino la totalità di quelli che attraversano realmente il paese: due terzi del territorio del Mali sfuggono completamente al controllo del governo centrale a causa della guerra civile, in corso dal 2012. D’altra parte, se una diminuzione dei sequestri non rappresenta un indicatore affidabile, un incremento degli stessi è quasi sempre indice di un parallelo aumento dei flussi di traffico. Le cifre dichiarate dalle forze di sicurezza guineane, quindi, destano allarme, ed espongono le debolezze di un paese in cui la faticosa transizione verso la democrazia ha dovuto scendere a compromessi con un sistema di corruttela diffuso, annaffiato abbondantemente dai proventi del narcotraffico.

Hub della cocaina.

È dal biennio 2006-2007, esattamente un decennio fa, che i cartelli della cocaina scelgono l’Africa occidentale come hub di snodo dei traffici dal Sudamerica all’Europa. Come già ha riportato Nigrizia, la ‘ndrina Mancuso della ‘ndrangheta della provincia di Reggio ha un ruolo determinante nel...

Per continuare la lettura di questo ed altri articoli di Nigrizia, abbonati alla rivista cartecea o all'edizione online.