Giorgio Bernardelli

Fausto Tentorio martire per la giustizia

San Paolo, 2015, pp. 112, € 12,00.

di Redazione

È stato ucciso il 17 ottobre 2011, a 59 anni, davanti alla sua parrocchia nell’Arakan Valley (Filippine). La colpa di padre Fausto, missionario del Pime (Pontificio istituto missioni estere) è stata di aver voluto difendere i diritti della gente, l’etnia manobo, con cui lavorava. A raccontare la sua storia è un giornalista di Mondo e Missione, rivista del Pime: «Fausto rispettava i rituali animisti dei manobo. Era amico degli sciamani, viveva l’ideale evangelico della condivisione con i poveri molto più della testimonianza esplicita». Prefazione del card. Gianfranco Ravasi.