Martín Caparrós

La fame

Einaudi, 2015, pp. 720, € 26,00.

di Redazione

Ha viaggiato in Niger, Kenya, Sudan e Madagascar, e ancora in India e Bangladesh, e poi in paesi sviluppati. Ha usato le sue armi di giornalista e di scrittore per raccontare, analizzare, scoperchiare, impressionare, far vergognare. Per decifrare la malfamata fame ha incontrato persone che la soffrono, ha fatto qualche incursione nella storia della disuguaglianza, si è immerso nelle logiche dell’India e in quelle del capitale statunitense. Chi è convinto che sia roba superata, buona per il solidarismo anni ’60, ha più di 700 pagine per ricredersi.